Crea sito

“Conoscere il mondo islamico”, al via il ciclo di seminari

Reading Time: < 1 minute

Martedì 16 marzo, alle 17, online su Microsoft Teams, incontro inaugurale dell’iniziativa promossa dal Dipartimento di Scienze umanistiche in collaborazione con il Centro per gli studi sul Mondo Islamico Contemporaneo e l’Africa

Forme e arte nel mondo islamico. Le sfide del passato dinanzi al presente”. È il tema della sesta edizione dell’iniziativa “Conoscere il mondo islamico” promossa dal Dipartimento di Scienze umanistiche dell’Università di Catania in collaborazione con il Centro per gli studi sul Mondo Islamico Contemporaneo e l’Africa.
Il ciclo di seminari, online sulla piattaforma Microsoft Teams, sarà inaugurato martedì 17 marzo, alle 17, con l’incontro dal titolo “Introduzione alla storia dell’arte islamica: un percorso per oggetti nei musei europei” a cura di Mattia Guidetti, ricercatore in Archeologia e storia dell’arte musulmana dell’Università di Bologna.
Quest’anno il laboratorio – organizzato dalle docenti Laura Bottini (Storia dei Paesi islamici) e Cristina La Rosa (Lingua e letteratura araba) del Dipartimento di Scienze umanistiche – si articola in tre moduli, per un totale di nove incontri, e si propone di fornire agli studenti di tutti i corsi di studio e ai cittadini alcuni strumenti utili per comprendere la complessità che caratterizza il mondo islamico dal punto di vista artistico e letterario, ma anche storico, giuridico, sociopolitico e culturale.
Nel corso del primo modulo, dedicato a “Arte e scrittura nell’Islam”, verranno affrontate questioni relative alla definizione di arte islamica, alle arti del libro e della scrittura, alla poesia e all’arte in al-Andalus.
Mercoledì 18 marzo, alle 17, si terrà il secondo incontro dal titolo “Le arti del libro e della scrittura” curato da Valentina Sagaria Rossi della Biblioteca dell’Accademia Nazionale dei Lincei e Corsiniana. Il primo modulo si concluderà il 23 marzo con l’incontro dal titolo “Testo e contesto: poesia e arte in al-Andalus” a cura della docente Ilenia Licitra dell’Università di Catania.