Nell’anniversario della strage di Capaci i vescovi di Sicilia ricordano tutte le vittime della mafia

Reading Time: < 1 minutes

Il vescovo Raspanti (Presidente CESi): “Un’azione comune per sconfiggere la mafia”

Martedì 23 maggio 2023, a 31 anni dall’attentato di stampo terroristico mafioso avvenuto a Capaci (Palermo) in cui persero la vita il giudice Giovanni Falcone, sua moglie Francesca Morvillo e tre uomini della scorta, i Vescovi di Sicilia ricordano tutte le vittime della mafia e con motivazioni religiose, culturali e socio-economiche sempre più forti condannano ogni forma di criminalità che offende e limita la libertà individuale e condiziona la crescita sociale.

Ai fini della diffusione della cultura della giustizia e della solidarietà è stato stipulato, nei giorni scorsi, un protocollo d’intesa a Palermo tra mons. Antonino Raspanti, presidente della Conferenza episcopale siciliana, e l’on. Antonello Cracolici, Presidente della commissione Antimafia all’Ars. Si è convenuti, infatti, a costituire un “Osservatorio permanente sulla diffusione della legalità” e “Centri di aggregazione” in ogni diocesi.

Tra le tante manifestazioni di impegno, previste anche quelle di sostenere progetti che contrastino fenomeni di violenza, prevaricazione e attività delittuose e che incoraggino una vita sociale contro la corruzione, le mafie e il crimine organizzato.

“Favorire un’azione comune per sconfiggere la mafia, introdurre una vera cultura della legalità e promuovere la giustizia e la solidarietà”. Queste le parole del vescovo Raspanti e conclude: “Agevoliamo processi di integrazione, rafforziamo i principi di trasparenza e affianchiamo le istituzioni per il controllo territoriale su situazioni a rischio”.