Crea sito

Catania: soccorso un pescatore con un elicottero della Guardia Costiera

Reading Time: 2 minutes

Nella mattinata di ieri, 6 Maggio 2021, la Guardia Costiera, con un elicottero AW139 (Nemo) partito dalla Base Aeromobili Nucleo Aereo e Sezione Volo Elicotteri di Catania, è stata protagonista di un soccorso spettacolare in alto mare di un pescatore che aveva accusato un malore a bordo del peschereccio “Artemide”.

Verso le ore 10:00 di ieri mattina è pervenuta infatti presso la sala operativa della Capitaneria di Porto di Catania una chiamata di soccorso da parte del peschereccio Artemide, impegnato, a circa 75 Miglia Nautiche a largo di Catania, in una battuta di pesca. Un membro dell’equipaggio, per cause in corso di accertamento, ha accusato un malore che non gli permetteva di deambulare autonomamente, rendendo necessario il suo trasbordo presso un presidio ospedaliero.

L’11° MRSC di Catania ha allertato immediatamente il personale elicotterista della Base Aeromobili di Catania, che è decollato ed ha raggiunto il punto dove si trovava il peschereccio in circa 45 minuti.

Si è quindi proceduto ad ammainare a bordo del peschereccio, tramite verricello, un aerosoccorritore del Corpo, addestrato a fronteggiare situazioni complesse e di emergenza. Lo stesso ha provveduto ad immobilizzare il pescatore traumatizzato su una barella ed a portare l’uomo a bordo dell’elicottero per il successivo trasferimento presso il più vicino ospedale specializzato, l’ospedale Cannizzaro di Catania, preventivamente allertato dalla Centrale di Controllo Aeromobili di Catania. A bordo dell’elicottero, oltre ai 5 membri dell’equipaggio, era presente anche un medico del CISOM (Corpo Italiano di Soccorso dell’Ordine di Malta), che ha provveduto a dare le prime cure al malcapitato facendo una rapida analisi delle sue condizioni e riportando il tutto ai medici di Catania che lo hanno preso in cura. L’operazione è stata molto complessa anche in ragione delle dimensioni ridotte del peschereccio che hanno costretto i due piloti a far ricorso a tutta l’esperienza maturata sul campo dopo anni di addestramento specifico.

I reparti di Volo della Guardia Costiera assicurano il Servizio SAR (Ricerca e Soccorso) 365 giorni all’anno, 24 h su 24h.