Belpasso: riaperto il teatro “Martoglio” dopo due anni di stop per covid

Reading Time: 2 minutes

Riaperto il sipario del Teatro “N.Martoglio” di Belpasso dopo due anni di fermo obbligatorio a causa del Covid e per importanti lavori di efficientamento energetico grazie ad un finanziamento regionale da 180.000 €.

L’evento inaugurale è stato organizzato dal Comune di Belpasso con il Distretto Lions Paternò-Belpasso e caratterizzato da alcuni momenti molto significativi: dal taglio del nastro, al saluto delle principali autorità, dal Premio “Giò Battista Nicolosi” andato al Cav. Giuseppe Condorelli (eccellenza imprenditoriale e orgoglio siciliano), alla messa in scena della Commedia “Pirandello e la sua giara”.

Platea gremita, Belpasso ha risposto con il suo consueto grande cuore all’appello di solidarietà lanciato in favore del popolo Ucraino.

Anche numerose autorità non hanno voluto mancare all’appuntamento, tra queste il sindaco di Belpasso, Daniele Motta che ha accolto il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci; i deputati regionali Giuseppe Zitelli, Alfio Papale, Gaetano Galvagno; il sindaco di Paternò, Nino Naso; il presidente del Parco dell’Etna, Carlo Caputo e svariati esponenti dell’Amministrazione Comunale: il presidente del Consiglio, Patrizia Vinci, il vice sindaco Tony Di Mauro, gli assessori Fiorella Vadalà, Moreno Pecorino, Andrea Magrì; i consiglieri Graziella Manitta e Rocco Santonocito.

Tra le istituzioni, sono stati invitati a parlare sul palco i sindaci Motta e Naso e infine il presidente Musumeci.

Nel suo intervento il sindaco Motta ha preannunciato l’impegno di trovare i fondi necessari per ristrutturare la facciata del teatro “Martoglio”, una delle strutture neoclassiche più significative della Provincia che merita un restyling degno del suo nome e del suo blasone. Ed ha altresì dichiarato: “È stata una serata importante, multi sfaccettata. Un evento carico di speranza. La riapertura del nostro teatro ci dà speranza, speranza del ritorno, seppur lento, alla normalità; speranza di rivedere l’Arte e la Cultura in ogni sua forma tornare protagonista delle scene in presenza; speranza che la Guerra in Ucraina e tutte le guerre del mondo finiscano e sostegno solidale concreto al polo ucraino ancora martoriato ingiustificatamente. Grazie ai Lions per l’impeccabile organizzazione e in particolare al presidente distrettuale, Salvatore Saglimbene e al presidente della sezione di Paternò, Carmelo Fallica; grazie ai miei concittadini presenti; grazie alle autorità intervenute; agli attori che ci hanno intrattenuto con una bella commedia Pirandelliana; ai volontari e alle maestranze e ovviamente ai componenti della mia amministrazione per l’impegno messo in campo per quest’opera”.

Sono felice che la mia intuizione di pubblicare un bando regionale dedicato ai Teatri – ha detto il presidente Musumeci – sia risultata utile per molteplici teatri Siciliani. Abbiamo consentito che questi spazi culturali venissero restituiti alle comunità nella speranza che la cultura foraggi e arricchisca le menti di amore, altruismo e gentilezza e che la cultura dell’odio e dell’egoismo che serpeggia tra i social e nelle nostre società perda il passo e soccomba dinanzi alla bellezza dell’aggregazione.