Crea sito

UNICT – Tornano gli Open Days digitali

Reading Time: 3 minutes

Dal 18 al 20 maggio l’evento più importante dedicato alle future matricole e alle loro famiglie

Tornano dal 18 maggio al 20 maggio prossimi gli Open Days dell’Università di Catania, il più importante evento d’Ateneo dedicato all’orientamento delle future matricole, anche quest’anno in versione interamente digitale.
Facendo tesoro dell’esperienza e dell’ampio successo dello scorso anno, con un’edizione organizzata per la prima volta in modalità a distanza sotto l’egida dello slogan “Il mondo che immagini a un passo da te”, gli Open Days 2021-22 rilanciano la formula che abbina dei videoclip di presentazione dell’ateneo, dei dipartimenti e dei corsi di studio, ai seguitissimi webinar interattivi nei quali ogni liceale può approfondire i contenuti, le opportunità formative, gli sbocchi occupazionali e qualunque altra informazione utile per scegliere il proprio percorso di studi. Insomma, un vero e proprio contenitore virtuale per l’orientamento e la promozione delle immatricolazioni che verrà riempito nel corso delle tre giornate e rimarrà poi “visitabile” fino alla fine del periodo previsto per le immatricolazioni. Ogni giorno ci saranno poi degli Special events in omaggio agli studenti che avranno partecipato alle attività di orientamento.
Durante le tre giornate sarà attiva una community, composta da docenti, studenti, referenti per l’orientamento, personale del Centro Orientamento Formazione & Placement, dell’Ufficio relazioni con il pubblico, del Centro per l’integrazione Attiva e Partecipata, della Scuola Superiore di Catania, dei servizi didattici dipartimentali e dei settori carriere studenti, disponibili a fornire risposte in tempo reale sui diversi temi. Il personale dell’ateneo sarà presente in chat live durante le classi virtuali e raggiungibile tramite telefono, mail, skype e canali social, animando così gli sportelli virtuali per tutta la durata degli Open Days.
Nella scorsa primavera, gli utenti del sito dedicato aunpassodate.unict.it sono stati quasi 10mila, per un totale di oltre 30mila pagine visitate, molti anche da fuori regione e dall’estero, ma il sito è rimasto disponibile alla consultazione per tutto il resto dell’anno, con il supporto di una efficace campagna sui social. E uno dei risultati tangibili è stato certamente il boom di immatricolazioni registrato già alla fine di settembre, con un 22% di nuovi iscritti in più, che ha portato l’Università di Catania nella ‘top ten’ delle università italiane in crescita. Particolarmente interessanti le variazioni intervenute nella “geografia” dei nuovi studenti, provenienti da un numero crescente di province italiane e, per quanto riguarda la Sicilia, anche da tutte le province occidentali della nostra regione.
Nella nuova edizione, articolata in tre giorni, che di fatto inaugura ufficialmente la campagna immatricolazioni per l’anno accademico 2021-22, intitolata “Ovunque da qui”, saranno inoltre annunciate le novità previste dagli organi di governo dell’Ateneo: aumento del numero dei corsi di studio ad accesso libero, riconferma della modalità di frequenza mista (in presenza e a distanza), riproposizione del voto di diploma come criterio per l’ammissione ai corsi di studio a numero programmato locale eliminando – nella persistente condizione epidemiologica – i test di accesso al fine di ridurre i rischi di contagio e azzerare i costi di partecipazione, ma non discriminando chi non ha conseguito il voto massimo alla maturità.
Dall’analisi dei dati effettuata dall’Area dei servizi informativi emerge, infatti, che, grazie al meccanismo degli scorrimenti e dei ripescaggi in graduatoria e all’incremento dei posti disponibili rispetto al bando originario, in molti dei corsi il voto minimo con il quale gli studenti sono riusciti ad accedere varia in media tra 60 e 80 centesimi.
Saranno, inoltre, previsti dei percorsi agevolati per chi intende immatricolarsi avendo già conseguito dei crediti formativi come corsi singoli all’Università di Catania e misure riservate per gli studenti già iscritti in altri atenei che intendono rientrare a Catania in corso d’anno per trasferimento.