Crea sito

UNICT: la nutrizione nella nuova offerta formativa per futuri biologi

Reading Time: 3 minutes

Dal prossimo anno accademico sarà attivato il curriculum in Biologia della Nutrizione nel corso di laurea magistrale in Biologia Sperimentale e Applicata

Nella foto da sinistra Giusso del Galdo, Lombardo, Battaglia e Barbagallo

Un nuovo curriculum per l’Università di Catania. Nel prossimo anno accademico (2021-2022) sarà attivato il curriculum Biologia della Nutrizione nell’ambito della rimodulazione dell’ordinamento attuale in Biologia sanitaria e cellulare-molecolare del corso di laurea magistrale in Biologia Sperimentale e Applicata del Dipartimento di Scienze biologiche, geologiche e ambientali.<br>Il nuovo corso di studio – articolato nei tre curricula in “Biologia Sanitaria”, “Biologia Cellulare e Molecolare” e “Biologia della Nutrizione” – è stato presentato ieri pomeriggio in occasione degli Open Days delle lauree magistrali in Biologia, Biologia Ambientale e Biologia Sperimentale e Applicata.
Ad illustrarli il prof. Gianpietro Giusso Del Galdo, direttore del dipartimento, il delegato alla Comunicazione in ambito student recruitment e docente di Biochimica degli alimenti e della nutrizione, Ignazio Barbagallo, e le docenti Marta Puglisi e Bianca Maria Lombardo dell’ateneo catanese alla presenza del dott. Giovanni Battaglia, delegato dell’Ordine Nazionale dei Biologi – Catania.
«Il biologo nutrizionista è una delle professioni molto richieste in questo periodo e la cui domanda non è ancora satura – ha spiegato il prof. Ignazio Barbagallo -. L’inserimento degli insegnamenti relativi alla nutrizione è opportuno e indifferibile per fornire ai nostri studenti la migliore formazione per svolgere in futuro la professione del biologo nutrizionista. Il nuovo curriculum in Biologia della nutrizione arricchisce l’offerta formativa dell’Università di Catania e rappresenterà un punto di forza nelle nuove strategie di reclutamento in cui il rettore Francesco Priolo ha scommesso per aumentare l’attrattività dell’ateneo catanese».
«Ad oggi molti studenti, dopo la laurea triennale, sono costretti a trasferirsi in altri atenei dove l’offerta è già presente, ma adesso all’Università di Catania possono continuare e migliorare il proprio percorso formativo grazie anche al valore aggiunto della vocazione agroalimentare del nostro territorio e gli indigeni saperi e sapori della salutare “dieta mediterranea”, il luogo giusto dove studiare nutrizione».
E sull’offerta didattica del nuovo corso di studi è intervenuta la prof.ssa Bianca Maria Lombardo che ha specificato come «il primo semestre di studi sarà comune ai tre curricula, mentre nel secondo semestre i percorsi saranno differenziati». «Il nuovo curriculum in Biologia della Nutrizione – ha aggiunto la prof.ssa Bianca Maria Lombardo, presidente del nuovo corso – prevede al secondo semestre del primo anno gli insegnamenti di Fisiologia della nutrizione, Biochimica degli Alimenti e della Nutrizione, Metodologia epidemiologica e Prevenzione nutrizionale, Principi di nutrizione umana e Dietetica, a cui si aggiunge un insegnamento a scelta tra Biologia molecolare della nutrizione, Nutrigenetica e nutrigenomica, Microbiota e Nutrizione. Al secondo anno gli studenti potranno scegliere una disciplina tra Chimica degli Alimenti e Nutraceutica ed Endocrinologia e un’altra tra Farmacologia della nutrizione e Tossicologia, Patologie correlate all’Alimentazione e Microbiologia degli Alimenti».
Previsto anche un ampliamento dell’offerta formativa degli studenti che sceglieranno gli altri curricula al fine di renderli più attuali e approfonditi.
«Il percorso formativo offerto dal nuovo corso di studi di Biologia sperimentale e applicata con tutti i suoi curricula ricalca in maniera evidente tutte le tematiche più innovative che l’Ordine dei Biologi sta portando avanti da diversi anni tramite una serie di eventi formativi a tutti i livelli – ha spiegato il dott. Giovanni Battaglia -. Il nuovo curriculum sulla Biologia della nutrizione prevede un percorso formativo che pone il futuro biologo operante nel settore della nutrizione ad un livello nettamente più professionale rispetto al nutrizionista del passato, basti guardare l’insieme di materie trattate durante il biennio come nutrigenomica, microbiota e nutrizione, biochimica degli alimenti, nutraceutica».