Crea sito

Paternò: inaugurazione della mostra “CitarDante” presso l’Istituto “G.B. Nicolosi”

Reading Time: 2 minutes

Lunedì 15 marzo, presso l’Istituto Comprensivo “G.B. Nicolosi” di Paternò, sito in via Libertà, è stata inaugurata l’iniziativa “CitarDante”, in occasione dei 700 anni dalla morte di Dante Alighieri.

«Sono trascorsi – ha dichiarato il preside dell’istituto, il professore Platania – esattamente 700 anni dalla morte di Dante Alighieri, il padre della Letteratura Italiana. Non potevamo mancare all’appuntamento per omaggiare e onorare questo grande personaggio che ha fatto la storia dell’Italia e della letteratura italiana. L’istituto “G.B. Nicolosi” ha creato una mostra permanente che rimarrà attiva e aperta per tutto il mese di marzo, naturalmente nel rispetto assoluto della contingenza epidemiologica, senza creare assembramenti e con il giusto distanziamento».

Non una semplice mostra di disegni ma «è un vero e proprio viaggio itinerante – continua il preside -. Il visitatore seguirà un percorso e gli alunni spiegheranno vari passi della Divina Commedia interpretandoli con la lingua originale e spiegheranno, attraverso illustrazioni grafiche, come si è evoluto tutto il sogno di Dante, dall’Inferno al Paradiso. Sono state necessarie più di due settimane di lavoro, frutto di una eccellente collaborazione di tutti gli insegnanti della scuola e degli alunni che sono stati veramente splendidi. È stato bello perché il tutto è frutto di un lavoro di squadra ben organizzato. Sia gli insegnanti che gli alunni hanno portato il proprio contributo per la realizzazione di questa iniziativa».

Molto soddisfatta del risultato la professoressa Grasso, coordinatrice dell’iniziativa, che ha così dichiarato: «i ragazzi sono stati estremamente collaborativi nella realizzazione di questo progetto. Questa, oltre ad essere una mostra itinerante, è una mostra permanente che durerà fino alla fine di marzo, ed è anche comparativa perché abbiamo fatto le comparazioni di Dante all’interno dell’Europa».

La mostra rientra in un progetto più ampio, infatti «stiamo partecipando – continua la professoressa Grasso – ad un concorso nazionale. Nello specifico abbiamo scelto un verso della Divina Commedia, in questo caso “vassene ‘l tempo e l’uom non se n’avvede”, tratto dal canto IV del Purgatorio, e in base a questo i ragazzi hanno fatto dei disegni, poesie e tutto ciò che riguarda il tempo. Provvederemo ad inviare i disegni più rappresentativi alla giuria nazionale di questo concorso. In Sicilia siamo la quarta scuola che partecipa a questa iniziativa organizzata dall’associazione “CitarDante”».