Crea sito

MiBACT: la lettera di Bianca Maria Visconti a Francesco Sforza, un originale augurio per la festa del papà dall’Archivio di Stato di Milano

Reading Time: 2 minutes

In occasione della Festa del papà l’Archivio di Stato propone nell’ambito della campagna #iorestoacasa un estratto di un’intima e, in alcuni passaggi, spassosa missiva di Bianca Maria Visconti con la quale informa Francesco Sforza, suo consorte e duca di Milano, della nascita di loro figlio, Ludovico il Moro.

L’istituto di via Senato a Milano rende così visibile un documento prezioso proveniente dall’ingente patrimonio che custodisce, aderendo così all’iniziativa “La cultura non si ferma” promossa dal MiBACT con l’intento di aggregare e far crescere l’offerta culturale fruibile da casa. I luoghi della cultura si stanno mobilitando in questi gironi per mostrare non solo ciò che è abitualmente accessibile al pubblico, ma anche il dietro le quinte dei beni culturali, con le numerose professionalità che si occupano di conservazione, tutela e valorizzazione.

***

1452 agosto 8, Milano

Bianca Maria scrive: “(…) ho avisata la Illustre Signoria Vostra como mediante la divina gratia ho aparturito uno bello fiolo (…) e prego (…) di non darsi affanno alcuno de facti mey, perché (…) stago molto  bene insiema con il novo figliolino”. E prosegue: “(…) se degni de pensare de metergli un bello nome ad ciò che’l supplisca in parte alla figura del puto che è il più sozo de tuti li altri. Del fronte e dela bocha el someglia mi et dela parucha el somiglia la Signoria Vostra siche podeti pensare como el debe essere bello. Sono però certa che quando il vedriti non vi parrà tropo diforme anzi spero che vi piacerà forsi tanto quanto veruno del altri”.

La riproduzione fotografica della lettera è visibile sul profilo Instagram dell’Archivio di Stato all’indirizzo https://www.instagram.com/p/B96MqOvoQBX/?igshid=906h6f1pwcc2 e disponibile in allegato.

Le iniziative per “La cultura non si ferma”, in continuo e costante aggiornamento, sono reperibili on line sulla pagina https://www.beniculturali.it/laculturanonsiferma.