Guardia Costiera: campagna ambientale per la rimozione delle “Reti Fantasma”

Reading Time: < 1 minutes

Le reti fantasma rappresentano una vera e propria emergenza ambientale, non solo perché disperdono nell’habitat marino le micro-particelle sintetiche delle quali sono composte, ma anche perché costituiscono dei vere e proprie “trappole mortali” nelle quali rimangono intrappolati molti pesci, anche di specie ittiche protette. Senza considerare, poi, il pericolo concreto che le stesse rappresentano per la sicurezza dei sub.

A testimonianza del costante e continuo impegno dei nuclei subacquei del Corpo, si invia di seguito – nel link in basso – un breve contributo video inerente alla campagna ambientale per la rimozione delle “Reti Fantasma” dai fondali dei nostri mari; campagna, tuttora in corso, che la Guardia Costiera svolge su mandato del Ministero dell’Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, presentata nel luglio del 2019 a Fiumicino alla presenza del Ministro dell’Ambiente Sergio Costa e del Comandante Generale della Guardia Costiera, Ammiraglio Giovanni Pettorino.