Crea sito

Etna: la colata lavica è in diminuzione. Persiste una moderata attività stromboliana

Reading Time: < 1 minute

Secondo l’ultimo bollettino emesso dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Osservatorio Etneo, si comunica che la colata di lava principale che si espande in Valle del Bove continua ad essere moderatamente alimentata e il fronte lavico si attesta ad una quota di circa 1700 m slm. E’ stata inoltre osservata una seconda colata lavica che si è propagata verso Sud-Est sul versante occidentale della Valle del Bove fino a raggiungere una quota di circa 3000 m slm ed appare anch’essa non più alimentata e in raffreddamento.

Persiste una moderata attività stromboliana al cratere di Sud-Est.

E’ stata segnalata ricaduta di cenere sugli abitati di Milo, Santa Venerina, Torre Archirafi.

Continua l’attività stromboliana intracraterica alla Voragine, Bocca Nuova e Cratere di Nord-Est. L’ampiezza media del tremore vulcanico è in decremento mantenendosi ancora su valori alti. Le sorgenti del tremore sono localizzate al Cratere di SE ad una profondità di circa 2.5 km s.l.m..
Il tasso di occorrenza degli eventi infrasonici è alto e la loro localizzazione permane presso il Cratere di SE.