Crea sito

Comune di Mezzojuso sciolto per mafia

Reading Time: 2 minutes
Comune di Mezzojuso

E’ arrivata da parte del governo ed esattamente dal Consiglio dei ministri, su proposta del ministro dell’interno Luciana Lamorgese, la decisione di fare pulizia a Mezzojuso, il comune del palermitano venuto alle cronache già da qualche tempo per il caso delle sorelle Napoli. In effetti in questi mesi nessun pentimento da parte del Sindaco Giardina e di tutti i politici del circondario, non solo nei confronti delle sorelle Napoli appunto, ma neanche di un sistema mafioso che sembrava circondare quei luoghi. C’è voluta una decisione dall’alto per riportare un po’ di ordine là dove regnava il caos. Il sindaco dalle dichiarazione che ha fatto a mezzo stampa si dice sorpreso dell’accaduto e su questo non aveva dubbi : “Ho appreso, dagli organi di stampa, della decisione del Consiglio dei Ministri di scioglimento del comune di Mezzojuso per il concreto rischio di infiltrazioni mafiose. Mi riservo di conoscere i contenuti della relazione e le motivazioni che hanno portato a una tale decisione e valutare successivamente il da farsi. Voglio rassicurare i cittadini di Mezzojuso perché restino fiduciosi nelle Istituzioni, sicuro che il nostro ordinamento legislativo garantisce strumenti e rimedi adeguati a far valere le nostre ragioni nelle sedi opportune”.

Speriamo che non restino altrettanto sorpresi gli abitanti di Mezzojuso che in questi mesi sono stati propensi a schierarsi più dalla parte delle istituzioni locali che non da parte delle sorelle Napoli. Si capiva che in quel paese qualcosa non andava, era chiaro a tutti, ma nessuno o quasi nessuno ha preso le distanze . Adesso è il momento in cui si può gioire in quanto lo Stato sembra aver vinto, ma non i siciliani che di strada ancora ne hanno da fare sul versante della legalità. Quest’ultima si spera possa essere ripristinata con le prossime elezione, ma nel frattempo il comune di Mezzojuso sarà guidato da una commissione straordinaria composta da Daniela Lupo, viceprefetto Vicario, Valeria Gaspari, viceprefetto, Maria Cacciola, funzionario economico finanziario.